Le 10 abitudini che i vegani dovrebbero evitare

Il fatto che la dieta vegana sia equilibrata e sana dipende dalle nostre scelte. Ci sono vegani salutistici e vegani meno salutistici che si accontentano di non nuocere agli animali.

Ultimamente l’industria del cibo se ne sta approfittando e crea sempre nuovi prodotti vegani, ma cari e poco sani in quanto ultraprocessati, che di positivo non apportano proprio nulla.

Pure il metodo di cottura e come mangiano, fa sì che un cibo sia nutriente e sano, oppure no.

Di seguito vi lasciamo un elenco con 10 abitudini che i vegani dovrebbero evitare.

  1. In primis si consiglia di evitare il consumo di zuccheri raffinati semplici, da sostituirli magari con dei sciroppi di cereali o agape.
  2. Evitare i cibi trasformati industrialmente, come burger e salsicce vegane. Oltre che ultraprocessati, questi cibi possono essere pieni di conservanti e grassi idrogenati. Questo tipo di cibo può andar bene nel periodo di transizione.
  3. Altro cibo da evitare e che invece può andar bene nel periodo di transizione, sono i falsi formaggi, poiché contengono elevate quantità di grassi e leganti a dir poco naturali.
  4. Da evitare il classico cibo da fast food vegano. Quanto meno mangiarlo solo ogni tanto, ma no come base della nostra dieta.
  5. Altro cibo da evitare o ridurre il più possibile sono i carboidrati raffinati, inclusa la pasta, pane e dolci (ad eccezione dei pani e dolci crudisti, quelli sono sani).
  6. Evitare di assumere integratori, pensare piuttosto a mangiare in modo sano, vario ed equilibrato.
  7. Evitare di usare il microonde, sia per cucinare che per riscaldare gli alimenti. Non è un metodo di cottura sano.
  8. Bisogna pure evitare di comprare frutta di origine tropicale, specialmente fuori stagione. Prediligere la frutta di stagione italiana.
  9. Per una buona digestione e per metabolizzare bene i nutrienti, si sconsiglia di mangiare in piedi o in fretta. Masticare bene gli elementi.
  10. Infine, ma no per questo meno importante, bisogna sempre leggere le etichette dei prodotti confezionati, vuoi per evitare cibo di origine animale che per evitare ingredienti poco sani.