Kuntal Joisher, il primo alpinista vegano a scalare la quarta montagna più alta della terra

Kuntal Joisher è un alpinista indiano cresciuto da vegetariano e divenuto vegano nel 2002.

Attualmente vive a Mumbai ed è diventato famoso in seguito ad alcune imprese sportive.

La più recente è quella del 15 maggio 2018, che lo vede raggiungere la cima della quarta montagna più alta della terra, ovvero la Montagna Lhotse, che ha 8.516 m s.l.m., questa montagna è composta da tre vette ed è collegata all’Everest direttamente dal Colle Sud (7.906 m).

La cosa sensazionale in questa impresa è che è stato il primo vegano al mondo a raggiungere questa vetta; fra l’altro, ha utilizzato solo attrezzi vegani, compresi i guanti ed il piumino.

Altre sue imprese passate con una dieta vegana (ma con attrezzi non vegan) sono:

• Il 19 maggio 2016 ha raggiunto il vertice dell’Everest dopo averlo scalato dal lato sud.
• Il 1 ottobre 2014 ha raggiunto il vertice della montagna Manaslu, l’ottava più alta al mondo con i suoi 8.163 m s.l.m., si trova nella catena montuosa dell’Himalaya.

Inoltre, nell’aprile del 2015 è sopravvissuto a una valanga durante il terremoto del Nepal. In seguito ha organizzato una mostra fotografica e il ricavato delle entrate lo ha donato ai soccorritori del Nepal.

Ecco quanto ha affermato riguardo la sua spedizione:

E’ stato importante per me mandare il messaggio a tutto il mondo, che i vegani possono farlo, volevo sfatare ogni singolo mito sul veganismo.

Inoltre, una sua considerazione molto bella e positiva, riguarda il fatto di non aver mai trovato difficoltà nell’organizzare dei menù vegani durante le sue spedizioni alpinistiche; è sempre riuscito a lavorare con successo con il personale di cucina locale, che fosse nel Cile, nell’Himalaya, nel Nepal o in regioni remote.

Non importa dove ti trovi, puoi fare un menù vegano ovunque. Ci vuole solo l’impegno verso la causa dei diritti degli animali e della sostenibilità del nostro pianeta.