Cerca
Close this search box.
come diventare vegani

Il veganismo sta diventando sempre più popolare man mano che le persone diventano più consapevoli delle implicazioni ambientali, sulla salute e sui diritti degli animali delle loro scelte alimentari. Se stai pensando di passare a uno stile di vita vegano, ci sono alcune cose che dovresti sapere prima di tuffarti a capofitto. In questo post del blog, esploreremo cosa significa essere vegani, come iniziare il tuo viaggio vegano e alcuni suggerimenti per rimanere in linea con il tuo nuovo stile di vita. Con la giusta conoscenza e preparazione, puoi diventare un vegano sano e di successo. Iniziamo!

Come si diventa vegani?

Ci sono molte ragioni per cui le persone potrebbero voler iniziare una dieta vegana. Alcune persone lo fanno per motivi di diritti degli animali, alcuni lo fanno per motivi ambientali e altri lo fanno per motivi di salute. Qualunque sia la tua ragione, ci sono alcune cose che dovresti sapere prima di passare a una dieta vegana.

La prima cosa che dovresti fare è istruirti su cosa sia il veganismo e cosa comporta. Ciò significa conoscere quali alimenti sono e non sono vegani, nonché dove puoi trovare opzioni di cibo vegano. Ci sono molte risorse disponibili online e nelle biblioteche che possono aiutarti in questo.

Una volta che hai una buona comprensione del veganismo, il passo successivo è iniziare lentamente a modificare la tua dieta. Se sei abituato a mangiare carne e latticini, prova prima a ridurre questi alimenti. Puoi anche sperimentare sostituti della carne e dei latticini per vedere cosa ti piace di più. Ci sono molte deliziose ricette vegane disponibili online e nei libri di cucina che possono aiutare a rendere il passaggio a una dieta vegana facile e delizioso!

Quanto tempo ci vuole per diventare vegani?

La risposta a questa domanda è diversa per tutti, poiché dipende da vari fattori come quanto sei motivato e quanto supporto hai. Tuttavia, è generalmente accettato che occorrono circa 3 settimane per formare nuove abitudini, quindi se ti mantieni, dovresti diventare vegano in pochissimo tempo!

Cosa succede al tuo corpo quando diventi vegano ?

Quando diventi vegano per la prima volta, il tuo corpo potrebbe attraversare un periodo di adattamento. Potresti riscontrare problemi digestivi, affaticamento e cambiamenti nei tuoi livelli di energia. Questi sono tutti normali effetti collaterali che dovrebbero diminuire dopo poche settimane. Una volta che il tuo corpo si sarà adattato al nuovo modo di mangiare, probabilmente scoprirai di avere più energia e meno problemi digestivi.

Con l’alimentazione vegana si perde peso?

Ci sono molte ragioni per cui le persone possono scegliere di adottare uno stile di vita vegano. Per alcuni, il trattamento etico degli animali è una priorità assoluta. Altri sono motivati ​​da preoccupazioni ambientali o dalla convinzione che una dieta a base vegetale sia la più salutare per il corpo umano. Ad alcune persone piace semplicemente il gusto e la varietà dei cibi a base vegetale.

la perdita di peso è spesso un’altra motivazione per le persone che considerano il veganismo. Dopotutto, se i vegani sono in media più magri dei mangiatori di carne, è ovvio che adottare una dieta vegana ti aiuterebbe a perdere chili indesiderati, giusto?

A quanto pare, la risposta non è così semplice. Mentre ci sono sicuramente molti vegani in sovrappeso, ci sono anche molti vegani di peso normale o superiore. E mentre alcune persone perdono peso quando passano a una dieta vegana, altre scoprono che il loro peso rimane stabile o addirittura aumenta.

Quindi cosa dà? La verità è che non esiste una risposta “giusta” a questa domanda. Il corpo di ognuno è diverso e risponderà in modo diverso a un cambiamento nella dieta. Proprio come alcune persone perdono peso con una dieta a basso contenuto di carboidrati mentre altre scoprono di ingrassare, non vi è alcuna garanzia che perderai o aumenterai peso diventando vegano.

Se sei interessato a provare una dieta vegana allo scopo di perdere peso, la cosa migliore da fare è sperimentare e vedere come risponde il tuo corpo. Inizia incorporando gradualmente più pasti a base vegetale nel tuo

Quali sono gli aspetti negativi del veganismo?

Ci sono alcuni potenziali aspetti negativi del veganismo, che includono:

1. Nutrizione: poiché il veganismo elimina i prodotti animali dalla dieta, i vegani possono essere a rischio di alcune carenze nutrizionali. Ad esempio, senza un’adeguata vitamina B12 (che si trova principalmente nei prodotti animali), i vegani possono soffrire di anemia e danni ai nervi. Altri nutrienti che si trovano tipicamente nei prodotti animali e che possono mancare in una dieta vegana includono gli acidi grassi omega-3, la vitamina D, il calcio e lo zinco. Per evitare queste carenze, è importante che i vegani mangino una varietà di cibi ricchi di nutrienti e integrino quando necessario.

2. Aumento di peso: alcune persone scoprono di aumentare di peso con una dieta vegana a causa del maggiore apporto di carboidrati e cibi ricchi di fibre. Sebbene non tutti i vegani sperimenteranno un aumento di peso, coloro che lo fanno potrebbero aver bisogno di adattare la loro dieta o il loro regime di esercizi per mantenere il peso desiderato.

3. Pressione sociale: in alcune situazioni sociali, essere vegani può essere difficile o addirittura scomodo. Ad esempio, quando ceni fuori con amici o familiari che non sono vegani, potresti avere opzioni limitate e sentirti come se stessi perdendo alcuni piatti. Potresti anche sentirti sotto pressione per spiegare le tue scelte dietetiche agli altri o giustificare il motivo per cui non mangi carne o latticini.

Essere vegani cambia il corpo?

I benefici del veganismo sono numerosi e il proprio corpo può sperimentare una trasformazione significativa quando si passa a questo modo di mangiare. Ecco alcuni dei modi in cui il mio corpo è cambiato dopo essere diventato vegano:

-Ho perso peso. Questo è stato uno dei cambiamenti più immediatamente evidenti dopo essere diventati vegani. Poiché non consumavo più grandi quantità di prodotti animali, che sono ricchi di grassi saturi e calorie, ho iniziato a perdere peso.

-La mia pelle si è schiarita. Un altro enorme cambiamento che ho notato è stato nella mia pelle. Dopo anni di lotta contro l’acne, la mia pelle finalmente si è schiarita dopo aver eliminato latticini e uova.

-Avevo più energia. Una piacevole sorpresa del veganismo è stata l’aumento di energia che ho sperimentato. Poiché mangiavo principalmente cibi integrali e assumevo molti antiossidanti e sostanze nutritive, il mio corpo aveva tutto ciò di cui aveva bisogno per funzionare al meglio.

-Ho dormito meglio. Un altro inaspettato ma grande effetto collaterale del veganismo è stato che ho iniziato a dormire meglio la notte. Ancora una volta, poiché il mio corpo riceveva tutti i nutrienti di cui aveva bisogno, era in grado di rilassarsi e ringiovanire durante il sonno

Cosa succede alla tua faccia quando diventi vegano?

Ci sono molti modi diversi in cui i volti delle persone cambiano quando diventano vegani. Per alcune persone, la loro pelle si schiarisce e hanno meno acne. Altre persone scoprono che i loro capelli diventano più lucenti e più sani. E altri ancora riferiscono di avere più energia e di sembrare più giovani.

Ma c’è una cosa che tutti i vegani hanno in comune: i loro volti si illuminano di gioia quando parlano di come diventare vegani ha cambiato le loro vite in meglio! Certamente è più facile diventare vegani se si è già vegetariani, in tal caso si tratta di fare un passo in più ed eliminare pure latte, formaggi, uova e miele, cosa non difficile, date le molte alternative vegan ormai presenti nei nostri supermercati. Gli onnivori che desiderano fare il primo passo, si dividono in due categorie: quelli convinti assolutamente e pronti a dare un taglio netto al loro vecchio stile di vita e quelli che invece sono ancora legati a certi sapori.

Per i secondi, consigliamo di iniziare un periodo di transizione.

Periodo di transizione: diventa vegetariano

La prima parte del periodo di transizione prevede di diventare vegetariani, eliminando soltanto la carne e il pesce. In questo periodo, la cui durata è soggettiva, si inizia ad avere confidenza con i prodotti vegetali. Si possono eliminare sin da subito i vestiti, saponi e cosmetici non vegani.

Se dovesse sorgere ancora il desiderio di mangiare cibo di provenienza animale, nei negozi ci sono dei prodotti che imitano nella consistenza e nel sapore la carne e il pesce, come il seitan, il muscolo di grano e certi affettati vegetali. Qualcuno potrebbe storcere il naso nel leggere questo, ma lo invitiamo a pensare che non tutti sono pronti a diventare vegani di colpo e che almeno in questo modo si evita la sofferenza animale.

La seconda parte del periodo di transizione prevede di veganizzare quello che già si mangia

Ovvero, non si tratta solo di comprare prodotti che imitano la carne e il pesce, ma pure di veganizzare paste, pizze, risotti, dolci, gelati, ecc., fino alla completa eliminazione di ogni ingrediente di origine animale. Partendo da una base vegetariana, si andrà a sostituire il latte con quello vegetale, il formaggio con il tofu ed i “non formaggi”, la mozzarella con quella fatta di riso e il miele (se proprio lo si desidera), con lo sciroppo di fiori e le uova con della pastella di farina.

Terza fase, eliminare i prodotti che imitano la carne e il pesce

Inutile avere il ricordo della sofferenza. Bisogna cambiare proprio mentalità, la carne e il pesce non è cibo, sono “pezzi di cadaveri”. Certamente ci sono persone che diventano vegane da un giorno all’altro, senza nessun periodo di transizione, ma noi, con questi consigli, abbiamo cercato di dare una mano un po’ a tutti.